mercoledì, ottobre 04, 2006

Zuppa di lenticchie e carote speziata



Hihihihihi!!! mi sa che è il periodo... a settembre/ottobre appena vedo una nuvola in cielo (non importa che fuori ci sinao ancora più di 20°) comincio a metter via le magliette leggere e a fare pane e zuppe. La cosa più assurda è che faccio lo stesso in primavera! Così mi ritrovo a girare senza calze e con i maglioni di cotone quando fuori ci sono a malapena 10° e con i meglioncini di lana quando tutti i miei amici girano ancora con le infradito.
In me devono esserci geni nordici che sognano estati appena fresche e inverni lunghi da tazze di te fumanti e stivali. Sono anormale ma quando piove io sono allegra e stamattina la nebbia sul Ticino mi ha quasi commossa ;-D
Comunque questa zuppa di lenticchie e carote è giusta per l'autunno, con un sapore dolce in sottofondo adatto a coccolare lo stomaco dopo i quintali di pomodori estivi. In più ha un costo bassissimo ed è ottima anche tiepida.
Come lenticchie usate quelle che avete, vanno bene anche quelle decorticate: a parer mio accentuerebbero troppo la nota dolce e si spappolano molto, ma se avete fretta sono le più indicate.

200 gr di lenticchie
5 cm di alga kombu
1 cipolla
2 carote grandi
1 cucchiaino di dado
1/2 cucchiaino di coriandolo macinato
1/2 cucchiaino di semi di senape
2 cucchiai di olio di sesamo
acqua qb
sale

Pelate e tagliate a fettine le carote. Sciacquate le lenticchie e tritate la cipolla. Scaldate l'olio in una pentola dai bordi alti e unite i semi di senape. Quando scoppiettano unite la cipolla, un pizzico di sale e fate stufare per cinque minuti. Unite le lenticchie, la kombu e le carote, mescolate e coprite (due dita sopra le verdure) con acqua fredda. Portate a bollore, unite il dado e lasciate cuocere per un'oretta. Togliete la kombu, prelevate metà della zuppa, frullatela e poi rimettetela in pentola con il coriandolo.
Cuocete ancora per qualche minuto e poi servite.

15 commenti:

fiordizucca ha detto...

abbiamo fatto quasi la stessa ricetta! :)) un'altro miracolo di stagione.
tanti baci

Elisa ha detto...

In questo periodo il mio corpo chiama lenticchie, secondo me ho bisogno di ferro...cucinate anche io oggi, ma non in zuppa.

P.S. Ticino? petulina, 'ndo stai?

petula ha detto...

fiore..;-DD bellissimo!!!

elisa...sull'autostrada to-mi ;-)))

Anonimo ha detto...

è tanto che ti seguo, senza mai scriverti, ma questa volta non resisto: potrei aver scritto io quello che hai scritto tu oggi. Ticino compreso!
Chiara

ps. grazie per le belle e soprattutto buone ricette!

Piperita ha detto...

amore per la pioggia condiviso, ma io sto ancora al tè freddo!!! Possibilmente Long Island Ice Tea, se lo fanno...
;-))

Marcy ha detto...

Ottima ricetta, come del resto le altre!

Anche a me piace la pioggia, il freddo e,....la nebbia!!!
Non vedo l'ora di mettermi le maglie di lana: non ne posso più di questo caldo!
Avrò anch'io geni nordici?????
Ciao!!!!!!!!!!!

petula ha detto...

ups, creerò un club delle amanti del freddo ;-DD

pip...cavoli, provvederemo!

Anonimo ha detto...

ANCHE IO HO FATTO UNA DELIZIA SIMILE NEL RISTORANTE VEG IN CUI LAVORO
L'HO CHIAMATA ZUPPA DOYO ,USO LE LENTICCHIO DECORTICATE,LA ZUCCA HOKKAIDO E UN PIZZICO DI CURRY PER STEMPERARE IL DOLCE...
BUONA!!!
COCCOLOSA PER LA MILZA!!!

ValentinaLou ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
ValentinaLou ha detto...

un saluto al volo
è così anche per me: le stagioni appena iniziate mi inducono a tuffarmici e sogno la piogia fuori e io davant alla finestra a sorseggiare the :-)
grazie per le tue ricette, ogni giorno, credo che se imparerò ad applcarle avrò decisamente qualcosa in più nelle mie giornate, salute e gioia di vivere :-)
a presto!!!
valentinaLou

kiki ha detto...

Concordo con ValentinaLou, la cosa che amo di più nella cucina matrobiotica è l'attenzione e l'amore che ti viene naturale imprimere nelle tue azioni quando prepari il cibo per te e per coloro che ami, scaricando così i nelvosismi e l'aggressività accumulata purtroppo durante il giorno. La salute così non solo ti arriva dal cibo che stai per gustarti, ma da tutto l'insieme di azioni che lo hanno generato. Mi capita addirittura di considerare la spesa ai negozi bio come un vero e proprio evento, anche quando è quotidiana...
...cosa che mi fa passare per pazza dal mio uomo macrobiotico a metà..
A ognuno il suo, ma in questa definizione mi sono troppo rivista...

Buona giornata a tutti e alla "nostra" Petula in maniera particolare.

:)

Anonimo ha detto...

bel post, bei sentimenti, belle le tue sensazioni ed i tuoi pensieri...
che questa delle zuppe è una mania trasversale femminile (e oramai... le amo tanto anch'io)!
cosa ho trovato due sere fa tornando dall'ufficio?? una zuppa arancione... deliziosa nella sua semplicità..
ho chiesto gli ingredienti: zucca, sale acqua e rosmarino
quando gli ortaggi sono buoni, a volte è proprio un delitto mascherarli con elaborate preparazioni,nooo?
ciaociao

petula ha detto...

ma che bello!!!!! se fate così piazzo zuppe tutti i giorni ;-D

strega nocciola ha detto...

Che meraviglia, anch'io mi commuovo per la nebbia sul Ticino, adoro la pioggia e l'autunno, le zucche e le melagrane, l'uva e le castagne. Io abito in zona di risaie e questa stagione mi piace molto, con la nebbiolina che al mattino sale dai campi di riso ormai vuoti, in attesa che le stoppie vengano bruciate e le cornacchie alla ricerca dei chicchi caduti. Proverò questa zuppa il primo giorno di pioggia.
Ciao

petula ha detto...

ma che gruppo di amanti delle nebbie!!!!! romanticone ;-D...bello!