lunedì, ottobre 23, 2006

Torta al cioccolato piccante



Oggi il grigiore ispira tazza di tè e dolcetto!
Un comfort food adatto ai primi freddi soprattutto se dovuto alla mancanza di riscaldamento in ufficio...l'ho detto più volte, non amo in modo particolare i dolci e non sono di certo il mio pezzo forte in cucina, da sempre, ma questa torta è a riuscita sicura ed è velocissima da farsi. E' poi una torta perfetta da "pucciare" nel tè o tisana calda.
Per questa torta potete usare il cacao in polvere amaro aggiungendo del peperoncino ridotto in polvere oppure una miscela di cacao amaro e spezie già pronta (è quello che ho fatto io per far fuori un regalo di qualche tempo fa...). Se la volete più dolce potete mettere solo sciroppo d'acero. E' comunque preferibile usare il malto di mais rispetto a quello di riso perché più dolce. Non va usato quasi mai nei dolci il malto d'orzo.

3 tazze di farina 0
1 bustina di lievito o cremor tartaro
1/2 tazza di olio di mais
1 tazza di malto di mais
4 cucchiai di sciroppo d'acero
1 tazza di latte di soia o riso
4 cucchiai di cacao amaro e peperoncino (o + 1 cucchiaino raso di peperoncino in polvere)
1/2 cucchiaino di zenzero in polvere
un pizzico di sale

Miscelate prima gli ingredienti secchi (farina, lievito, cacao, spezie e sale) poi uniteli a olio, malto, sciroppo e latte. Versate il composto in una tortiera e cuocete in forno a 180° per 40 minuti.

26 commenti:

LaCuocaRossa ha detto...

wow anche io ho fatto la torta al cioccolato (molto meno sana della tua) questo fine settimana!
c'era una voglia cioccolatosa in giro...

sole ha detto...

ciao petula, sono in fase down e oggi avevo programmato i muffin cioccolatosi..ma la torta mi ispira di +! sabato ho fatto il pane de campagne....meraviglioso !! ho seguito alla lettera i tuoi consigli ed è venuto buonissimo! grazie !! ti mando la foto in pvt !

Saretta ha detto...

Mamma mia Petula(non so il tuo nome..)..ma questa torta mi sa che farà parlare le statue!!!
Anche il mio mood non è dei migliori, credo che la tua idea sia un'ottima coccola!
Grazie come sempre...
Buona settimana!
Saretta

Marcy ha detto...

Che spettacolo!
Senza uova, senza zucchero bianco, senza colesterolo e con tanta bontà!!!!
Grazie mille!!!

Anonimo ha detto...

deve essere fantastica!!
cara cuoca petulante, lurko da queste parti da un po', ma ora mi arrischio a chiedere un consiglio..

mettiamo il caso che abbia dei porri splendidi.. e abbia voglia di una zuppa, o vellutata.. ma non abbia voglia della classica porro+patata+minipimer..

secondo te, se facessi stufare per bene le verdure con acqua e un po' di olio extravergine, allungassi fino ad avere un bel brodo saporito e alla fine sciogliessi tipo un cucchiaino di miso marroncino, verrebbe una delizia o una puttanata? *_*

heloise

www.heloise.it/blog

petula ha detto...

periodo di desiderio di dolci...è l'autunno. non bisogna però esagerare altrimenti la malinconia può trasformarsi in tristezza (troppo dolce, troppo cioccolato non aiutano) ;-))

heloise...una vellutata di porri magari aggiungendo del latte di soia o della panna di soia alla fine per renderla più delicata.

Anonimo ha detto...

ciao petula,sei una nuova scoperta e penso proprio che non mi perderai più...sei una meraviglia!!! Ho da chiederti, puoi dare presto la ricetta della marmellata di fragole e come sterilizzare i vasetti e i relativi coperchi???
Ti ringrazio molto
tua giuly

ValentinaLou ha detto...

Ciao preziosa petula,

se io volessi usare solo sciroppo d'acero che dosi dovrei aggiungerein sostituzione del malto di mais?
Grazie :-)

petula ha detto...

giuly...grazie dei complimenti. troppo carina! marmellata di fragole ora e fuori stagione direi proprio di no. ho messo un paio di ricette di marmellata (menu a destra) puoi semplicemente sostituire il tipo di frutta dove ci sono anche le istruzioni per la sterilizzazione (o comunque sotto il capitolo conserve).

valentinalou...le dosi sono le stesse solo che usi lo sciroppo d'acero invece del malto ;-)

Anonimo ha detto...

Il 22 era il mio compleanno... avrei dovuto fare gli anni il 23!!! Questa torta non mela faccio scappare
(per festeggiare ho preparato il tuo mitico pane alle banane pieno di candeline)

Eli ha detto...

Ciao Petula, l'altra sera avevo a cena un amico allergico a uova, noci e nocciole...mi sono ispirata alla tua ricetta dei muffin cioccolatosi ed è venuta fuori una torta al cioccolato con marmellata di albicocche (fatta in casa!) da favola! Grazie grazie grazie!

petula ha detto...

mattop...i compleanni si possono festeggiare più volte ;-)) auguri!

eli...grazie a te!!!!

Anonimo ha detto...

secondo te il malto si potrebbe sostituire con miele (quanto?) o sciroppo d'acero con lo stesso risultato? o potrebbero esserci "controindicazioni"?
grazie,
Monica

petula ha detto...

il miele per la macrobiotica è come lo zucchero (come effetti e più o meno come energia) meglio usarlo in piccole dosi ;-) la sostituzione avviene nelle medesime quantità .

Anonimo ha detto...

Petula se non ci fossi bisognerebbe inventarti :-)
Domanda.... ma tu che stampo usi per questa meraviglia di torta?
ciao,
Francesca

petula ha detto...

francesca...grazie!!!! ;-))) una tortiera da 25 cm. a volte ci faccio pure i muffin...

Anonimo ha detto...

Chiara la tua torta cioccolatosa...piccante l'ho immaginata con un finissima purea di malanzane cotta nella vaniglia...
Ciao.
Batavia Birichin
Buon appetito

petula ha detto...

ora mi esalto!!! nicola grazie!
purea di melanzana? quando riuscirò a tornare al birichin te la chiederò ;-))))

Anonimo ha detto...

Ottima anche questa torta!!! e facilissima.
Grazie,
Manuela

Eruru ha detto...

Oddio quando ho letto la frase "il malto d'orzo non va usato quasi mai nei dolci" ho capito che forse l'assenza di sapore dolce(anche minimo) nei dolci che preparavo(e anzi un retrogusto a volte un po' strano) non erano frutto della mia incompetenza(forse :P). Comunque sia, perchè dici di evitarne l'uso? Il gusto non è proprio ok come succede a me(ma non sono una grande esperta di malti, forse la marca che prendo non è tanto buona)oppure ci sono altre ragioni?

Petula ha detto...

Erurur... il malto d'orzo non è dolce, ma amarognolo e con un leggero gusto fermentato ed è perfetto per la panificazione (e la birra), ma non per i dolci. non c'entra nulla la marca ;)

Eruru ha detto...

Dicevo io... eppure mi avevano detto che per i dolci andava bene anche quello, provvederò a scegliere meglio le mie fonti :)

Anonimo ha detto...

Ciao petula, cause varie, posso farla anche con farina di riso? Intendo senza glutine, mmmm sembra buonissima e adatta al freddo di questi tempi :-)

Petula ha detto...

direi proprio di sì ... anzi fammi sapere come è andata :)

Anonimo ha detto...

benissimo, allora nel weekend mi darò da fare e ti farò sapere, grazie! :-)

Anonimo ha detto...

Cara petula,
non ho aspettato il weekend e per San Valentino mi sono messa all' opera. La farina di riso si è rivelata più che adatta a questa preparazione. Ho dimezzato le dosi di tutto e steso l' impasto in una terrina piuttosto grande, in modo tale da poterne poi ricavare delle formine una volta terminata la cottura. Il sapore è mmmm buonissimo, l'unica cosa che vorrei migliorare (petulante che sono anche io!)è la consistenza che mi è venuta un pò troppo densa, "collosa". La mia ipotesi è che sia dovuta al malto (ho utilizzato quello di riso, non ci crederai ma vivo a Berlino e quello di mais proprio non sono riuscita a trovarlo!). Pensavo quindi di fare un secondo esperimento prossimamente diminuendo la quantità di malto, e forse aggiungendo un pò di sciroppo d'acero per sopperire alla mancanza di dolce. Che ne pensi? Hai altri suggerimenti? O forse semplicemente dovrei diminuire il tempo di cottura per la farina di riso. In ogni caso VIVA LA TORTA AL CIOCCOLATO PICCANTE :-)