lunedì, gennaio 08, 2007

Club del wok: udon alle verdure



SON TORNATA!!!!!
oddio non son mai stata via ma mi son presa le vacanze anche dal blog e mi son dedicata alla fannullite più totale, ai libri, ai troppi interessi, alla famiglia e agli amici (oltre che all'uomo macrobiotico a metà ;-D)
Persino la rete aveva bisogno di ferie tanto che negli ultimi giorni ha deciso di non farsi proprio vedere!
E dopo la tre giorni natalizia e al capodanno ho pure cucinato pochino!!!!
Grazie a tutti quelli che mi hanno scritto, mandato auguri e affetto: siete stati il miglior regalo!

Dato che sono in fase depurativa dopo i bagordi (i miei son durati parecchio come pure gli avanzi!) come iniziare meglio se non con il club del wok?
Volevo chiamarli udon al soffritto ma suonava malissimo, ma gli ingredienti son quelli! ;-DDDD
Quindi ingredienti facilissimi da reperire e potete usare anche gli spaghetti di riso che si trovano in tutti i supermercati.
Gli udon son i tagliolini giapponesi, fatti con farina di grano duro, su cuociono in pochissimo tempo e devono sempre essere sciacquati sotto acqua fredda per eliminare l'amido in eccesso che li renderebbe collosi.

1 carota
1 gambo di sedano
1 cipollotto o scalogno
1 cucchiaio d'olio di sesamo
2 cucchiai di salsa di soia
1/2 cucchiaino di alga nori in polvere (opzionale)
150 gr di udon o soba

Tritate tutte le verdure a dadini piccolissimi e stufateli nel wok con il cucchiaio d'olio e la soia.
A parte cuocete gli udon in acqua bollente, scolateli e sciacquateli bene sotto acqua corrente e poi versalteli nel wok. Saltateli a fuoco vivace per quanche minuto e serviteli caldi spolverati con la nori in polvere.

10 commenti:

Sigrid ha detto...

Bentornata!!! :-)
Oddio la solo vista degli udon mi riporta dritta a parigi, è tremendo, me li vedo ancora, gelatinosi e lunghi 69ì0 cm sulla losro stuoietta :-))
ps: l'enigma del giorno: da parigi appunto - da un supermercato giap fichissimo :-) - ho riporatto delle bustine di miso soup monodosi, non come quelle liofilizzati, proprio miso in pasta con alghe e tutto dentro, microbustina per microtazzina, deliziosa. La domanda è: ma perché al risto e perfino in bustine la zuppa di miso non ha mai lo stesso sapore di quela che faccio io in casa????? (se rispondi vinci la mia eterna grattidtudine ;-)

petula ha detto...

tesoro!!! auguri!!!

perchè ognuno ha la sua ricetta segreta e di solito mischiano i diversi miso, alcuni aggiungono un pochino di soia, altri del mirin o del sake. il brodo poi è dashi (fatto con pesce secco e alghe) e miso e non solo acqua e miso.
ho fatto interrogatori a diversi cuochi giap a milano e rispondono come gli italiani "la faccio come la fa la mia mamma e poi vado ad occhio" grrr!! ;-DDDD

Gabriela ha detto...

Fantastica ricettina, la proverò subito.
Anche se in ritardo, tanti auguri di allegria e leggerezza per il 2007!
Un consiglio, perfavore... sai di qualche negozio o supermercato etnico in Torino?
A presto spero se il nostro comune amico bob riesce a combinare! bibi

petula ha detto...

bibi!!!! finalmente....il nostro comune amico latita ;-DDD ma aspetto con ansia, mi ha fatto descrizioni esaltanti della tua cucina!!!!

non conosco moltissimo i negozi di torino, ti direi di provare nella zona del balon, ma ho il sospetto che non basti. mi informo!

ValentinaLou ha detto...

Carissima Petula,

un grazie di cuore per avermi permesso di ricevere molti complimenti con il tuo risotto di zucca e con lo sformato di zucca e tofu il giorno di Natale!!!

Sono stati tutti felicissimi e hanno mangiato con gusto!!!

grazie :-)

Anonimo ha detto...

Ottimi questi udon! Pasto ideale anche prima di attività sportiva! Sono di farina di grano normale o integrale? hai usato quelli della finestra sul cielo che si trovano anche da naturasi?
Ciao e auguri di buon blog2007

Anonimo ha detto...

ciao petula!
bentornata e tanti tanti auguri di buon inizio 2007!
devo dir la verità il tuo blog mi è mancato tantissimo!!

in questi giorni ho potuto, finalmente, fare il dado, led è uscito buonissimo, l'unica cosa ad assaggiarlo così è molto salato, però ho costatato che cuocendolo sia come brodo che insieme a verdure, tutto quel sale si disperde parecchio.
ciao fabiola

cannella ha detto...

Vedo che non mi dai un attimo di tregua....

lilli ha detto...

ciao chiaretta
bentornata,
un saluto affettuoso e un augurio per un bloganno meraviglioso, a te e all'uomo macrobiotico a metà

petula ha detto...

valentinalou...che bello!!!!!grazie a te!

mattop...quelli che preferisci, per udon e noodles mi affido agli etnici ;-) buon 2007 anche a te

fabiola...infatti è un dado, mai assaggiato quello commerciale?

canny...;-DD mai!

lilli...buon anno anche a te. un abbraccio fortissimo