martedì, gennaio 16, 2007

Brasato di seitan alla birra



Roba da domenica, da tempi lunghi e giornata grigina con pigrite acuta.
Il brasato ha il vantaggio che lo si mette in pentola e ce lo si dimentica per un po'
Si può fare con qualunque cosa dalle verdure al pesce e perché no con il seitan. A ben pensarci trai cibi vegani è forse quello che meglio si adatta perché non ha un sapore particolare (il tofu è delicato e, se fresco, sa di soia, il tempeh è molto particolare) e quindi deve essere ben insaporito.
Visto che ci eravamo bevuti tutto il vino rosso, la birra è stata un'ottima seconda scelta.
Ho servito questo brasato con la polenta taragna ma si può servire con un riso in bianco, con la polenta gialla normale e anche, o solo, con tanto tanto pane visto che di "puccia" ne vien parecchia ;-DD

300 gr di seitan in un solo pezzo (o due)
2 bicchieri di birra chiara
3 carote
1 costa di sedano
2 scalogni
1 spicchio di aglio
3 cucchiai di olio extra vergine d'oliva
farina per imanare
sale
pepe

Infarinate il seitan per bene e poi rosolatelo nell'olio da tutti i lati fino a quando non fa la crosticina. Toglietelo dalla pentola e mettetelo da parte. Mettete nella pentola tutte le verdure tritate grossolanamente (a parte l'aglio che lascerete intero) e fatele stufare per qualche minuto, unite il seitan e coprite con la birra. Fate cuocere per almeno due ore e mezza a fuoco bassissimo, rivoltando il seitan di tanto in tanto, il liquido si ridurrà e si addenserà. Togliete lo spicchio d'aglio, frullate parte del sugo e rimettete in pentola. Salate e servite caldo.

15 commenti:

kiki ha detto...

Ciao Petula,
che meraviglia questa ricetta è troppo da domenica per provarla subito ma aspetterò con ansia!

In realta volevo chiederti una cosa su Sugar Blus: io ho letto quello che penso sia l'ultima versione del libro, in cui liquida con due parore lo sciroppo d'acero dicendo che è praticamente identico allo zucchero come effetti in più presenta parti di piombo per cui sembrerebbe ancora più nocivo. Io lo uso nei dolci e mai una quantità smodata ma ci sono rimasta malissimo. Tu sai qualcosa in proposito?

Anonimo ha detto...

Gnam!!!
Un'unica parola! ^__^
Una simpatica idea per questo fine settimana ("devo da rifornì" er frigo - un salto dal negoziante di fiducia è d'obbligo)
Complimenti.
Bye
Morrigan

petula ha detto...

kiki....lo sciroppo d'acero non va usato (come per altro tutti gli zuccheri) in dosi smodate e fai bene a moderarlo, meglio il malto di riso o di mais per i dolci magari tagliato con lo sciroppo per aumentaare il gusto dolce. sulle parti di piombo tieni conto che sugar blues è un libro degli anni 70 e quindi i prodotti bio ancora non esistevano. inoltre il problema per duff nasce dal fatto che gli americani lo usano a valangate sui pancake.
eliminare lo zucchero è difficile, diminuirne l'uso no ;-D

morrigan... ;-DDDD

Anonimo ha detto...

una bella ricetta, da provare!

Fabien ha detto...

O porca miseria: proprio ora che abbiamo finito il glutine!!! Col cavolo che vado a comprare il Seitan già pronto, però questa ricetta me la segno ché fra un po' vedrai che ce la cuciniamo (e sai bene quanto lo apprezzi)... GRAZIE MILLE!!!

kiki ha detto...

Grazie mille per i consigli!
Sei sempre troppo carina!

Anonimo ha detto...

Questo si che è un brasato!!! Viva vegan!

Hai qualche consiglio sui funghi maitake? Ne ho comprato una piccola confezione al negozio bio ma non ho trovato molto riguardo alla preparazione e agli accostamenti...
ciao e grazie mille

petula ha detto...

mattop...i maitake sono una variante degli shitake e quindi ne hanno los tesso uso.

Anonimo ha detto...

Ciao!
ho scoperto da poco questo blog e penso sia sempilcemnte FAN-TA-STI-CO!
Il mio moroso è in vegetariano convinto, fissato con gli equilibri in tavola e gli abbinamenti giusti a livello di cibi...
Grazie a tutto quello che c'è qui, troverò 1000 idee per mettere d'accordo lui e i miei amichetti e per stupirlo...
Ti farò sapere non appena provo una ricetta, per ora mi sono limitata a curiosare...

Anonimo ha detto...

Buono!!!

raffy ha detto...

curiosando sono capitata fino qui...il tuo seitan è fatto in casa? E' da tanto tempo che vorrei provare a farlo

Petula ha detto...

a volte sì a volte no....è un tormentone da sempre (me lo han chiesto in tanti...), devo trovare il modo di fotografare i passaggi.
farlo in casa è comunque molto facile e in rete trovi parecchie ricette. ;-))

Juri ha detto...

è stato il mio piatto forte x la cena d s. valentino e ha fatto una gran figura. grazie della dritta

Alice ha detto...

Ciao, innanzitutto complimenti per questo blog, lo adoro, e in secondo luogo, ottima questa ricetta, vorrei provarla oggi.
Però ti chiedo un consiglio per una variante, dato che il seitan andrebbe accompagnato ai legumi, per ottenere un apporto proteico di qualità, vorrei aggiungere alle verdure dei ceci, che poi andranno frullati con il puccino. Credi che come abbinamento potrebbe funzionare?

Petula ha detto...

alice ... il seitan è parecchio proteico (il glutine è una mega e lussuosa proteina), i legumi si possono aggiungere per gusto ma non certo per unire ancora proteine ;)