venerdì, marzo 24, 2006

Carote con aglio marinato



A Milano piove, è tutto grigino e fa di nuovo freddo in più da dopodomani mi ritroverò ad alzarmi con il buio per un mese (alle 6.30 sembrerà di nuovo inverno...sigh!). Si vede che l'ora legale non mi piace????
Le carote con il loro colore energetico e con la loro naturale dolcezza mi paiono la giusta soluzione.
Un piccolo esperimento agrodolce nato dalla necessità di far fuori gli ultimi spicchi di aglio marinato fatto qualche mese fa...prova che durano a lungo e che pochi si fidano a mangiarli perché non credono che preparati in questo modo l'aglio perda completamente il suo principale difetto. Ovviamente di possono omettere e sostituire magari con delle cipolline sott'aceto di buona qualità.
Per le carote scegliete quelle non troppo grandi e magari con il ciuffetto verde attaccato...

6 carote
4 spicchi di aglio marinato o cipolline
1 cucchiaio di malto
1 cucchiaino di aceto balsamico
1 cucchiaino di amido di mais
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva leggero
sale
pepe bianco

Pulite e affettate le carote a rondelle sottili. In un wok scaldate l'olio, aggiungete l'aglio (scolato dalla marinatura e fate saltare per qualche secondo poi aggiungete le carote. Fate saltare per qualche minuto poi coprite a filo con acqua e lasciate cuocere fino a quando non saranno tenere ma non disfatte. Aggiungete il cucchaino di amido di mais fatto sciogliere in un paio di cucchiaini di acqua fredda e l'aceto balsamico. Fate addensare leggermente, salate, pepate e servite tiepide.

6 commenti:

michelín amarillo, ave migratoria ha detto...

Yo también comía macrobiótico.
Hasta que discutimos ...

:·)

Francesca ha detto...

che ottima idea per un contorno veloce. io non ho ahimè l'aglio marinato ma mi è appena arrivato l'aceto balsamico da omar!
ciao:)

Piperita ha detto...

Il tuo aglio marinato me l'ero perso, ma rimedio subitissimo ed è sicurissimo che lo faccio pure!
Carote e aglio sono un binomio che adoro!

perec ha detto...

ma pietro lehman, ti ha già chiamata? sa della tua esistenza, lo svizzero dal cuore di seitan?

Anonimo ha detto...

Adoro il tuo blog, continua a scrivere.
Anna

petula ha detto...

grazie anna!
perec hihihihi!!!, adoro lehmann, lui non solo non va in crisi di fronte ai vegani ma li porta in paradiso...slurp!!!


pip ho cominciato a vedere l'aglio fresco in giro...fallo con quello con quello secco viene una schifezza!

l'aceto di omar è arrivato anche a me, per il moemnto è ancora chiuso nella sua botticina...devo meditare qualcosa di speciale.