martedì, novembre 07, 2006

Gamberi al sale



Un bel piatto yang, saporitissimo e adatto a chi non ha paura dei gusti accentuati.
Accompagnato con verdure scottate o dolci come zucca o carote saltate in agrodolce e rimane in equilibrio.
Un'idea che mi è venuta grazie a Coquinaria e che mi è piaciuta molto. Il pesce cotto nel sale mi piace molto ed è un modo sano di cuocere gli alimenti che non diventano salati ma vedono accentuati i propri umori e sapori.
Certo è un piatto della festa non solo perché proteico e con un'energia molto forte ma soprattutto perché ci vogliono gamberi grigi belli ciccioni e quindi costosetti.
Anche con le patate dolci al forno o i cavoletti è perfetto.
Con le teste dei gamberi e i carrapaci avanzati (dopo adeguato lavaggio da sale) ho fatto un delizioso fumetto per il risotto. ;-)

500 gr di gamberi grigi interi
sale integrale fino qb (almeno mezzo chilo)
1 cucchiaio di erbe tritate (prezzemolo, salvia ed erba cipollina)
1 spicchio d'aglio tritato fine

Sciacquate i gamberi. Mescolate il sale con le erbe e mettete un primo strato in una teglia da forno. Adagiatevi i gamberi e ricoprite con altro sale. Cuoceteli in forno caldo a 180° per 10 minuti, non di più. Rompete la crosta di sale, scuotete leggermente i gamberi e mangiateli subito. Deliziosi anche "pucciati" in una ciotolina contenente dell'ottimo olio extra vergine (senza sale o erbe) con una goccia di balsamico vero.

12 commenti:

Saretta ha detto...

Buongioooono Petula!
mmm che delizia!!!Pensa che ieri sera ho messo il seitan in marinatura...stasera o domani vedrò di papparmelo!!!POi da buona bresciana mi sa che la polentina non scappa!
Nel frattempo ho gli amici che reclamano una cena con le tue ricette...già la mia amica decanta la tirta al cioccolato che ho fatto sabato..Che dire Petula...sei una guru oramai!Baciottoli e buona giornata!
Saretta

Francesca ha detto...

bella questa idea di fare anche i gamberi al sale, non ci avevo pensato. Sale grosso immagino.

gulatalpina ha detto...

Ciao Petula, ieri meditavo sul fatto di postarti una ricetta con la zucca che nella mia famiglia si tramanda da secoli.......semplicissima e sfiziosissima......si può?????

petula ha detto...

saretta ... esagerata!!!! ;-)))

francesca...ups! fino...ho appena corretto. grazie.

gulatalpina... certo! anzi sbrigati che ho lì una bella zucca da sacrificare ;-)))

gulatalpina ha detto...

:0)....dunque: FRITTATA DI ZUCCA - tagliare la zucca a fiammifero (più sottili delle patatine fritte), cospargerla di sale e lasciarla a perdere l'acqua di vegetazione dentro un colino e con un peso sopra. dopo 2 o 3 ore asciugare la zucca velocemente con lo scottex ed infarinarla. nel frattempo scaldare un po' di olio in una padella antiaderente (purtroppo in questo caso nn se ne può fare a meno) e buttarci tutta la zucca, abbastanza da fare un tortino alto un paio di centimentri, schiacciare con la paletta il tutto sempre per dargli la forma del tortino e lasciare cuocere, dopo una decina di minuti girare e ripetere l'operazione di "schiacciamento".......salare un pochino in superficie solo alla fine. Giuro che con la cottura prende forma e sembra proprio una frittata!!!! Nonostante sia così semplice io l'adoro.........

MIECHAMBO ha detto...

Grazie mille per questa ricetta simplice et originale.
Non parlo tanto bene l'italiano ma intanto sono capace di tradurre le tue ricette.
Arrivederci presto.

MICHELE

mamina ha detto...

Grazie mile, questa ricetta mi piacce molto... sar nel mio piatto pronto.

Marcy ha detto...

Bontà il piatto e bontà la ricetta con la zucca!
Io adoro la zucca e ne ho un pezzo in frigo che attende la ricetta giusta, e una intera in cantina che aspetta di essere sacrificata!!!!
Petula, i gamberi messi sotto sale sono già senza testa, vero?
E' che sono un po' tonta ;-)))!

petula ha detto...

gualtalpina... ma che bella idea! è una sorta di rosti di zucca, non mi era mai venuto in mente. grazie!!!!

michiemambo ... direi che il tuo italiano è ottimo! a presto.

mamina...;-))

marcy... non sei tonta!!!! è che la foto trae ininganno. li ho cotti con la testa così la polpa non viene troppo a contatto con il sale...quello è l'unico decapitato che si è salvato dall'assalto e ho potuto fotografare.

gulatalpina ha detto...

:)))))) Grazie!!!!!
in effetti è simile al rosti di patate ma questo viene un po' più morbidino, la zucca continua a lasciare un po' di liquido mentre cuoce, nonostante la salatura.....

Marcy ha detto...

Grazie mille!
Mi sembrava più logico cuocerli con la testa...ma siccome io la testa (mia) ogni tanto me la dimentico...

Anonimo ha detto...

carrapaci?

e che mi è piaciuta molto. Il pesce cotto nel sale mi piace molto