mercoledì, aprile 26, 2006

Merluzzo in latte di cocco al curry



Questa ricetta viene direttamente dall'Australia e da uno dei loro migliori chef, Neil Perry.
Continente che suscita le mie fantasie da anni (soprattutto da quando il mio amico Max ha mollato tutto e ci si è trasferito...) più del Giappone, l'Australia vede coniugarsi cucine differenti come quella thailandese, giapponese, indiana e inglese e Neil Perry ne è un ottimo fautore. Ha inoltre un affascinante programma TV che è causa dei miei incontrollati acquisti da Kathai.
All'ultimo giro nella caverna di Ali Babà del cibo etnico hanno partecipato anche Jul e Pip...non so come mai ma il mio carrello era più pieno del solito e questa ricetta mi ha dato l'occasione di utilizzare una piccola parte di un enorme barattolo di pasta di curry che ora staziona nel mio cassetto delle spezie ;-D, il bottiglione di salsa di pesce e le foglie di kaffir lime.

La ricetta originale è stata modificata (e quando mai...) soprattutto nell'ingrediente principale ovvero un pesce molto australiano di nome Barramundi che nonho osato chiedere in pescheria per non essere insultata ;-) ed è stato sostituito da un più normale merluzzo. La pasta di curry può essere sostituita da un cucchiaio raso di Garam Masala che si trova già pronto nelle drogherie ben fornite o potrete far voi...le ricette sono svariate ei si trovano in rete con gran facilità.

2 filetti di merluzzo
1 lattina da 450 ml di latte di cocco
1 cucchiaio di salsa di pesce
1 cucchiaio di malto di riso
3 foglie di kaffir lime
un pezzetto di zenzero lungo 5 cm
2 cucchiai di panna di soia
1 cucchiaio di pasta di curry giallo
1 cipolla media
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaino di curcuma in polvere
3 cucchiai di olio di sesamo
sale

In una pentola pesante e larga fate scaldare l'olio e aggiungete le cipolle affettate sottili, lo zenzero pelato e tagliato a julienne. Salate, unite la curcuma e cuocete a lungo fino a quando le cipolle non si saranno caramellate aggiungendo qualche cucchiaio di acqua se si dovessero asciugare troppo. Togliete dalla pentola e mettete da parte. Sciogliete bene la pasta di curry nel latte di cocco e poi versate il tutto nella stessa pentola delle cipolle. Aggiungete la panna di soia, il malto, la salsa di pesce, il kaffir. Portate a ebollizione e unite la cipolla. Fate addensare per 5 minuti e poi unite il pesce spinato e asciugato. Cuocete per cinque minuti e servite accompagnato dalla salsa e da riso basmati.
La salsa avanzerà e, opportunamente filtrata, può esser conservata in frigo per qualche giorno e utilizzata per riso bianco o tofu fritto.

Macroconsiglio
Ricetta adatta a domeniche pigre con tempi lunghi e calde. Il sapore piccante che caratterizza questo piatto è infatti adatto all'estate o comunque a climi caldi. Infatti il piccante non apporta calore, se non per brevi attimi nelle principali vie di digestione (bocca e esofago), ma aiuta a eliminare il calore eccessivo e disinfetta legermente l'intestino. Non è un caso che le cucine più piccanti siano tipiche dei paesi tropicalie e non della Svezia
.

8 commenti:

Piperita ha detto...

W il latte di cocco!!! E la pasta di curry!!! E Kathay!!!

Ivano ha detto...

mamma mia che ricetta stupenda Petula , e realizzata davvero bene !!! adoro tutti gli ingredienti che hai messo , pasta di curry,foglie di lime, zenzero ,curcuma e salsa di pesce , un tripudio di sapore freschi molto estivi che ricorda l'oriente stupendo . Vorrei tanto anch'io andare in Australia , si trova di tutto li , è un paradiso per i cultori della gastronomia come noi . Io mi faccio mandare dall'Australia il magazine di Donna Hay , ma quanto mi costano le spese di spedizione !!!! 5 volte tanto il costo della rivista !!!
ciao cara
a presto
Un abbraccio

Juliette Godart ha detto...

Va beh ve lo devo dire: sono in possesso di parenti australiani! E anche parecchi. Credete che dovrei cominciare a sfruttare questa 'risorsa'?

Questo piatto mi sa che devo studiarlo: promette bene (mica come certi uomini che conosco... )

petula ha detto...

grazie ivano...tu si che mi capisci!!!!

jul dimmi un po' dove stanno 'sti parenti...sto mettendoi soldi nel porcellino per il viaggio e a perth ho già risolto il problema dellospitalità ;-DDD

pip! tu sei diffidata dal venire da kathay con me almeno fino alla fine del barattolo di pasta di curry....

miss piperita ha detto...

Il latte di cocco è buonissimo!!!!
Cos'è il malto di riso?

j'O ha detto...

ciao Petula,

le foglie di kaffir lime sono quello che in alcuni libri di cucina thai vengono detti "lemon grass"?

E se sì... ma dove li trovi?! Freschi poi?

Io sto raschiando il barattolo di lemon grass in polvere :( che ho comprato in un mio viaggio in olanda..

petula ha detto...

j'o il lemon grass e il kaffir lime sono due cose differenti; il lemon grass è un'erba dalle foglie abbastanza coriacee che contiene un olio essenziale simile al lmone, il kafir lime sono le foglie seccate di una specie di lime che contiene poco succo e viene utilizzato per la bucia e le foglie. il lemon grass fresco lo trovo nei negozi di alimentari etnici e a volte anche al mercato, il kaffir si trova solo secco.

miss piperita il malto è il dolcificante dei macrobiotici e di molti vegani e si ottiene con la cottura e fermentazione di un cereale (orzo, riso o mais).

miss piperita ha detto...

Grazie per l'informazione ;-)

vedrò se riuscirò a trovarlo nel negozio macrobiotico della mia città :)