martedì, dicembre 20, 2005

La zuppa di miso



Sarà che in ufficio sono al freddo da ieri e a Milano siamo a -3° ma ecco un grandissimo classico della cucina giapponese e macrobiotica! e finora non ne avevo mai scritto...orpo che magra ;-)
La zuppa di miso è il cibo "casa" per ogni giapponese, ogni mamma la prepara in modo diverso e, come noi ci ricordiamo la pasta al forno o il minestrone della nostra infanzia, loro si ricordano la zuppa di miso. Il miso nasce dalla fermentazione della soia gialla con sale marino in grandi mastelli a cui viene aggiunto spesso un cereale (riso od orzo). il miso si presenta come una pasta e può essere o di sola soia (Hacho miso) o di orzo (Mugi miso), o di riso (Kome miso) o riso e orzo (Genmai miso). In tutti i casi il consiglio è di prendere un miso non pastorizzato im modo da avere la maggior quantità di enzimi vitali possibile.
Questa è la versione base che può essere variata a seconda della stagione o dell'estro.
La dose è per una persona:

1 tazza di acqua
1 cucchiaino di miso non pastorizzato
1 pezzo di alga wakame (2 cm)
1 pezzetto di zenzero
1 cipollina o un porro piccolo

Tagliuzzare l'alga a pezzettini piccoli e metterla a bagno nell'acqua fredda per 10 minuti. Affettate la cipollina (compresa la parte verde) e grattuggiate lo zenzero. Accendete il fuoco e portate lentamente a ebollizione l'acqua con l'alga e la cipollina affettata. A parte grattuggiate lo zenzero e strizzatelo con l'aiuto di un telo di cotone in modo da ottenerne solo il succo. Quando vedete che l'acqua inizia a bollire spegnete il fuoco e aggiungete il miso che avrete sciolto in un pochino di acqua calda. Lasciate riposare coperto per 5 minuti e prima di servire aggiungete un cucchiaino di succo di zenzero.

Attenzione: la zuppa di miso non va mai bollita altrimenti gli enzimi muoiono. Lasciatele sobbollire appena se volete tenerla calda.
Non può essere nè preparata ore prima nè congelata.

Macroconsigli

La zuppa di miso è la miglior cura per combattere gli effetti dell'inquinamento e per riequilibrare le energie negative della giornata (oltre che del cibo magari non salutare del bar). Energie yin e yang in perfetto equilibrio (fermentazione dei semi di soia lunga e sotto un enorme peso), milioni di enzimi utili in caso di problemi intestinali o di abbassamento delle difese immunitarie, buona quantità di proteine nobili, vitamine del gruppo B e sali minerali fanno del miso un alimento che andrebbe introdotto nell'alimentazione quotidiana sotto forma di zuppa o di condimento. Inoltre riscalda, aiuta a depurare il fegato e migliora lo stato di pelle e capelli.Se non avete la possibilità o la voglia di farvi la zuppa tutti i giorni potete ricorrere anche ai preparati che si trovano ormai in molti negozi o di alimenti naturali o etnici.

34 commenti:

Sigrid ha detto...

mmmm... buono! Ti diro, d'inverno quando ho molto freddo e poco tempo, spesso per pranzo mi faccio la zuppetta di miso in bustina :-))) Devo provare cmq, a farlo da sola (anche perché ho un pacco di miso che sta lì da più di un mese, ne deduco sia pastorizzato sennò se ne sarebbe già andato camminando da solo :-)

petula ha detto...

no resiste anche quello non pastorizzato ;-)) sono tutti enzimi e muffette..la pastorizazione la fanno più per problemi di vendita in occidente.

Elisa ha detto...

un toccasana praticamente questo miso :)

Baci, petula buona ;)


Elisa

Francesca ha detto...

molto invitante questa zuppa, soprattutto con questo freddo che non riesco a togliere con nulla:(
Cercherò nei negozi biologici sperando di trovare anche quella in bustine.
Grazie:)

Gourmet ha detto...

petulante tutto bene??
mi sono preoccupata..non ti ho sentita oggi...
baci ;-)

petula ha detto...

francesca prova ad eliminare tutto ciò che è crudo e i latticini per una decina di giorni. spesso quando si ha troppo freddo questo funziona...insalate, frutta o yogurth in inverno possono portare ad un accumulo di energie fredde e quindi brividi costanti. zuppe, cibi cotti a lungo e un po' più di olio cotto di solito funzionano (fish&chips come cura non suona niente male ;-)). sempre che non ti lascino senza riscaldamento...

Francesca ha detto...

no petula il riscaldamento c'è;) proverò i tuoi preziosi consigli
Grazie!

Lilli ha detto...

buooona...
sono una maniaca di zuppe e minestre
il miso fa parte della mia dispensa da ormai due o tre anni e lo consumo abitualmente
come pure la salsa di soya....
.
.
.
.
.
qui però non riesco a trovare il dashi istantaneo per fare altre preparazioni giappo

ciao petulina

petula ha detto...

lilli scrivimi...ho trovato una soluzione per fornirti di dashi ;-)))

Lilli ha detto...

risposto via mail

Anonimo ha detto...

che schifo! pasta al forno forever!!! piuttosto avete una cura contro i geloni? :-)

vidock ha detto...

Pratico Karate di Okinawa e il Sensei che ha vissuto per anni e spesso soggiorna per alcuni mesi di allenamento in Giappone non fa altro che esaltare le proprietà del miso e di questa fantomatica zuppa. Avendo fatto il cuoco per 10 anni potrei anche provare a prepararmela una volta o l'altra. Grazie per la ricetta.

Petula ha detto...

vidock...in effetti non puoi non provarla ;-))))

Roberto ha detto...

Wow.
Adoro la zuppa di miso.

Una domanda: secondo Te, nei ristoranti giappo aggiungono anche glutammato, per rendere la zuppa piu' saporita?

Spero di no.

Una di queste sere me la faccio (potrei vivere di sashimi e zuppa di miso), peccato che alla mia compagna non piaccia.

Ciao e grazie della ricetta.

Roberto

Petula ha detto...

roberto...nei ristoranti usano le zuppe già pronte in busta (persino in gippone te lo assicuro). farla al momento per un gran numero di clienti è abbastanza complicato.
il glutammato è tipico della cucina cinese, non di quella giapponese dove al massimo per insaporire usano il dashi ovvero brodo di pesce liofilizzato.

The Shining ha detto...

Be... oddio. Sono un imbranato xD
Però al ristorante giapponese era buona! ;)

Elena ha detto...

Ottima ricetta per la primavera che sta arrivando. Che tipo di miso è più adatto? Va bene lo Shiro Miso, quello più dolce? Quant'è la quantità giusta per una persona?
Grazie!

Anonimo ha detto...

oggi ho comprato hatcho miso e kombu. mi date le istruzioni ed eventuali altri ingredienti per fare una buona zuppetta?
grazie
Un Petulo :-)

Anonimo ha detto...

gli "enzimi" sono proteine e in quanto esseri inanimati non muoino... al massimo, si degradano.

poi cosa sia "l'accumulo di energie fredde"e' tutto da discutere...

In ogni caso, fare movimento e' il metodo migliore per non congelarsi. Se avete freddo in ufficio fatevi un paio di rampe di scale di corsa...

Anonimo ha detto...

GRANDE!!! Me la preparo subito.....ma io c'ho l'AKA MISO.........ci ho messo un quarto d'ora a sceglierlo...e devo ancora controllare di cosa si tratta...ma speriam bene!! Un abbraccio da Amsterdam,

Nicole

Anonimo ha detto...

Ma se negli ingredienti ti scordi di mettere il miso..la ricetta è incompleta e hai rovinato la nosra serata, peccato, contavamo su di te!

Petula ha detto...

forse bisognerebbe imparare a leggere ... il miso c'è sempre stato :)

Anonimo ha detto...

ciao! io ho trovato solo il miso in dadi (come quelli per fare il brodo) che ne pensate?

Petula ha detto...

son un po' scettica sui prodotti in dado, ma non l'ho mai provato, perché il miso non è difficile da trovare soprattutto in rete ;)

zucchero d'uva ha detto...

Quanto si conserva il miso una volta aperto?
Io ho un barattolo non pastorizzato, ma se lo apro e lo comincio ad usare, quanto si conserva?
Si può usare anche al posto del dado nelle preparazioni occidentali?

Petula ha detto...

zucchero d'uva ... il miso dura comunque parecchio (mesi e mesi) soprattutto se lo conservi in frigo. È un prodotto fermentato con il sale quindi sviluppa muffe con notevole lentezza.

Silvia ha detto...

Ciao Petula, si può parlare di cura alla zuppa di miso in questo periodo di primavera? Si può mangiare tutte le sere per un mesetto? o è troppo? Se ci aggiungo delle alghe devo stare attenta a non esagerare? posso mettere anche legumi? o spaghettini di soia o riso? grazie!

Petula ha detto...

Silvia ... la zuppa di miso può essere mangiata tutti i giorni dell'anno con le dosi indicate: l'unica alga da utilizzare è la wakame, le altre non vanno bene e non va aggiunto altro, è un brodo e non una minestra.
I giapponesi al massimo aggiungono un pezzettino di carota, un pezzettino di pesce o una vongola. E quando dico pezzettino intendo pezzettino e una sola vongola. Il brodo deve risultare molto trasparente e liquido cosa che non sarebbe se ci si aggiungessero altre verdure o pasta; tradizionalmente è la bevanda calda che accompagna il pasto e non è un primo piatto, nell'accezione tutta italiana. Se ne beve quindi una tazza.
Se vuoi puoi però utilizzare il miso come un dado (il sapore è molto diverso) nelle zuppe tradizionali prestando attenzione a non cuocerlo.

La cuoca Pasticciona ha detto...

Ciao Petula, volevo chiederti come mai ho sempre in questo periodo una voglia forte di miso e lo mangerei di continuo.. a presto bacio

silvia ha detto...

Perfetto, grazie della spiegazione! quindi è anche veloce da fare e posso accompagnarla ad altre cose. Così evito di fare quella che a cena non partecipa mai. silvia

Anonimo ha detto...

Maiale forever altro che miso

Anonimo ha detto...

Romagna e maiale altro che giappo e modo... Alex da ravenna

ant ha detto...

ciao! grazie delle ricette e dei consigli sul miso.. mi piace molto anche se per pigrizia lo faccio poco.
Volevo chiederti due cose: la prima; ho da più di un anno del shiro-miso in frigo che però ha fatto un sacco di muffa sopra! Quando l'ho comprato era in busta, io l'ho messo in vaso di vetro e riposto in frigo, ma forse dovevo consumarlo più in fretta.. :-( immagino sia inutilizzabile, oramai.. che mi dici?
seconda; a me la zuppa non viene mai così trasparente come quella che mangi al giapponese, come mai? va bene lo stesso o per assimilare tutte le sua funzioni benefiche deve essere veramente trasparente? ;-)
grazie, a presto!
Ant

Petula ha detto...

Ant ... se ha fatto tanta muffa purtroppo lo eliminerei; in ogni caso gli elementi buoni del miso non dipendono dal colore, quindi anche se la zuppa non ti viene chiara come al ristorante (il colore è dovuto al tipo di miso usato) non ti preoccupare che ti farà lo stesso tanto bene.