venerdì, luglio 29, 2005

Mini polpettoni di seitan



I polpettoni sono uno dei ricordi più belli della mia infanzia alimentare. Era uno dei pochissimi modi in cui mia madre riusciva a far mangiare la carne alla sua bambina inappetente e petulante. Magica arte del riciclo.
Per cui visto che amo il seitan, che, non piacendomi per nulla quello in commercio, lo faccio io e che l'altro giorno non mi era venuto come al solito, ho deciso di farci un polpettone o meglio dei "polpettoncini".
Il seitan non ha bisogno di precottura e può essere utilizzato come la carne, fatto a bistecca, polpette, arrosto e brasato. Perfetto come ripieno nei ravioli vegani o come base per il ragù vegetale.


300 g di seitan al naturale
2 carote
1 cipolla
1 cespo piccolo di catalogna
1 spicchio d'aglio
3 cucchiai di pane grattuggiato
2 cucchiai di panna vegetale
sale
pepe
1/2 cucchiaino di polvere di macis
2 cucchiai di olio extravergine


Lavate e tagliate a fiammifero la carota, a tocchetti la cipolla e a listarelle la catalogna. Fate stufare con un cucchiaio di olio e lo spicchio d'aglio. A parte tritate il seitan non troppo finemente. In una ciotola mescolate verdure, sale, pepe, macis, seitan, un cucchiaio d'olio, panna vegetale e aggiungete il pane grattuggiato fino a ottenere un consistenza morbida ma non troppo. Ungete degli stampini, versate il composto premendo bene e cuocete in forno per 15 minuti a 180°.

Macroconsiglio
Il seitan è semplicemente glutine di frumento. Proteine dai cereali, purtroppo poco indicato in chi soffre di celiachia o di intolleranze alle farine.
Una delle grosse paure di chi si accosta a una dieta vegana o macrobiotica sono le proteine. Le proteine dovrebbero invece essere lultimo dei problemi visto che si trovano nei cereali, nei legumi, nelle verdure...difficile che in Occidente qualcuno abbia malattie legate all'assenza delle proteine, mentre più numerose sono le patologie legate a un loro consumo eccessivo (dal colesterolo alto ai problemi cardiaci o epatici) anche perché le proteine animali sono legate indissolubilmente ai grassi.
A livello energetico un eccesso di proteine animali e di grassi (yang) causa contrazioni e indurimenti e questo vuol dire calcoli, cisti, ma anche irrigidimento o irritabilità. Il nostro corpo deve smaltire tutto ciò che è in eccesso: tante proteine vanno bene per chi fa lavori manuali, tanto sport o vive in un clima molto freddo. In caso contrario il corpo accumula quello che non smaltisce.

4 commenti:

fiordizucca ha detto...

hmmmm! delicious! Da provare sicuramente :) Buon weekend!

Sigrid ha detto...

Ciao Petula!! Domandina: la tapina di cui sopra mi ha chiesto come fare il gelato per i vegan. Ora devo dire che la cosa mi incuriosisce: esiste un composto a base di soia della consistenza della panna?? grazieee:-))

petula ha detto...

cia cenzina,
esiste la panna vegetale, anche in versione da montare. non è fatta di sola soia. alcune gelaterie fanno il gelato con il latte di riso ma credo usino emulsionanti specifici per dargli la consistenza gelatosa. se vedo la mia amica gelataia chiedo e lunedì ti faccio sapere...
fino a questo momento ho sperimentato solo sorbetti...

Gabriela ha detto...

Ciao Petula!!Ho scoperto il tuo sito curiosando nel forum di Coquinaria e sono proprio contenta!
Io e mio marito non siamo macrobiotici,solo molto vegetariani da circa 15 anni,abbiamo un figlio traditore ed adolescente che naturalmente mangia un sacco di carne e varie schifezze....
Veniamo spesso presi in giro da amici e conoscenti per le nostre abitudini alimentari,ma devo dire che quando poi cenano a casa nostra si devono ricredere perché sono anni che cerco di cucinare vegetariano in modo fantasioso ed originale,attenta alla qualità dei cibi ma anche molto ai loro sapori.
Anch'io amo molto il seitan e lo uso spesso,non ho però ancora mai avuto il coraggio di farlo in casa:è molto complicato?