venerdì, aprile 04, 2008

Pane con farro e avena



Ieri stavo pensando seriamente di mettermi i sassi in tasca per non volar via visto il vento spettacolare che ha invaso Milano ... energia da brivido!

E quindi ora un bel pane per il fine settimana ... ;-))
Da vera maniaca la farina di farro me la son fatta da sola partendo dai chicchi che mi guardavano sconsolati dalla mensola ... avete in mente quando furbamente lasciate nel barattolo giusto un pugnetto di roba che da sola non serve a nulla? ;-D
Avere un robot da cucina bello solido aiuta non poco, ma va benissimo usare la farina di farro che si trova nei negozi bio.

250 gr di manitoba
150 gr di farro
100 gr di fiocchi d'avena
5 gr di lievito secco
1 cucchiaio di malto d'orzo
300/350 gr di acqua tiepida
1 cucchiaino di sale fino

Se partite dai chicchi, sfarinate farro e avena e poi miscelate le farine. Sciogliete il lievito secco e il malto in due dita d'acqua e poi cominciate a impastare unendo anche il resto dell'acqua a cucchiaiate. Dopo aver ottenuto un impasto liscio ed elastico, fate una palla e mettetela a lievitare in una ciotola coperta con un panno umido.
Una volta raddoppiato il volume, rompete la lievitazione, reimpastate velocemente, date la forma e mettetela di nuovo a lievitare coperta da un panno.
Cuocete in forno caldo a 200° per 30/40 minuti o fino a quando il fondo non suonerà vuoto.

14 commenti:

Magie Vegan ha detto...

Bellissimo questo pane, e ho proprio un pacchetto di farro che mi guarda dalla dispensa!! Il problema è che il mio tritatutto non era abbastanza potente e qualche giorno fa si è rotto per la seconda volta mentre tritavo dell'avena...! Tu che cosa usi? Pensavo di comprarmi un macinacaffè, quello dovrebbe reggere!

Anonimo ha detto...

Ho scoperto il tuo sito attraverso Sale e Pepe. Mi piace molto. Non ho ancora sperimentato alcuna ricetta, ma mi attirano quelle di pani e affini. Questo pane mi sembra ottimo. Posso usare il lievito di birra fresco? Hai spiegato in precedenza come fare "la madre" ?

Marcela ha detto...

E usare i chicchi interi, previamente messi in ammollo? Va bene che magari occorre cambiare un po' le dosi, ma mi attira l'idea di fare un pane con farro e avena...

Anonimo ha detto...

Il tuo sito e piacevole e molto interessante, soprattutto per me che non so' nulla di macrobiotica.
Vagando, ho scoperto in "Roba dolce" un'informazione interessante sullo stomaco. in altre sezioni hai dato info anche sull'intestino...combatto con una colite da mesi. Grazie.

Anonimo ha detto...

Sopra non mi sono firmata: Alice

Gabriella ha detto...

Che bel pane,m'ispira tantissimo!!!

Moka ha detto...

ecco!
m'hai fatto ricordare che ho il mulino del Kitchen che avrò usato una volta sola!

brava ciccia! :-)

Mad ha detto...

Ciao Petula, non ho capito bene....i fiocchi d'avena devono essere sfarinati? Grazie !!

Petula ha detto...

magievegan...io ho il bimby, che ha motore e lame molto potenti, altrimenti puoi ammolalre i chicchi per una notte e poi provare con un macinacaffè a manovella

anonimo...se cerchi sotto pasta madre trovi la ricetta. per il lievito fresco puoi usarne 8/10 gr.

marcela...il farro è un po' tostino e i cereali quasi crudi a me non piacciono molto, però prova e fammi sapere, son curiosissima ;-)

alice...sì, ma ogni colite è diversa, anche se sovente la limitazione o eliminazione per qualche mese di latticini e prodotti da forno può aiutare molto.

moka...hihihihihi!!!!!!

mad...in questo caso sì, ma puoi anche tenerli interi soprattutto se piccolini.

smilla_lunare ha detto...

petulaaaaaa, ho fatto il tofu ieri con la tua ricetta...ma che bello, sono stata brava anche se devo ammettere che ho sottovalutato la tua raccomandazione "occhio che tende a straripare"...e ha straripato, ma solo un po';-)
Ho provato anche a fare il seitan partendo dalla farina, non male ma quello comprato (anche se un po' caro) è decisamente più buono! ciao sabrina

Saretta ha detto...

ma..è arrivata Mary Poppins ieri???
mannaggia me la sono persa..
Uno dei miei pani preferiti..smack e buona settimana:D
saretta

Damyka ha detto...

Carino qui...

Anonimo ha detto...

Non frequento spesso blog, ma questo incidente di percorso mi ha rasserenato lo spirito: mi sono sentita stranamente a casa. Hai creato un bel quadro e le sfumature sono belle e profonde quanto lo sfondo rosso/arancione. quanta filosofia e creatività può nascondersi dietro un piatto cucinato con passione! Ti auguro una splendida sera... daniela

Ely ha detto...

mi piace questo pane rustico proverò a farlo ora ne ho in forno uno con i fiocchi di farro :-)))