mercoledì, agosto 10, 2005

Babaghanoui



Sto svuotando il frigo in previsione di una decina di giorni lontana da Milano. E quindi via a torte salate, salse e verdura ripiena.
Ancora melanzane, lo so...credo che saranno le ultime (escludendo quelle che metterò sottolio per Natale...) e poi il babaghanoui è perfetto per la grigliata di Ferragosto. Le melanzane, soprattutto se di supermercato, vanno sempre salate e messe a scolare per un'ora in modo da perdere l'amarognolo. Questo e la cottura in forno (yang) ne attutiscono sia l'acidità sia l'eccesso di energia yin.

1 melanzana
1 spicchio d'aglio tritato
1 cucchiai di tahina (salsa di sesamo)
2 cucchiai di acqua
1 pizzico di timo tritato

Tagliate la melanzana a metà, salatela e lasciatela scolare per un'oretta. Cuocetela poi in forno a 180° fino a quando non è morbida ed una volta fredda, estraetene la polpa con un cucchiaio.
Mescolate la polpa di melanzana agli altri ingredienti fino a quando non avrete una salsa cremosa. Potete anche usare un frullatore, ma non è necessario. Ottima servita su pane tiepido.

Petulatrucco
Per evitare i pezzi d'aglio sotto i denti e per mitigarne il sapore, cuocio l'aglio in forno fino a quando non è morbido e poi spremo letteralemente gli spicchi nelle salse o nei sughi.

1 commento:

Antonella ha detto...

Cara Petula, aggiungici anche il succo di limone vedrai che differenza!