giovedì, gennaio 22, 2009

Farro ceci e cicoria giappo-piccanti




















Sto svuotando la dispensa, cosa che di solito faccio verso maggio per evitare le farfalline a luglio - son un vero incubo se si ha una cucina alta 3 metri e passa - ma visto che mi cade la roba in testa e sul pavimento della sala giace un sacchetto con gli acquisti alimentari del Giappone (quelli secchi non quelli freschi e dentro buste sigillate, mica che cominciate a immaginarvi cose strane ;-D) ho deciso di cominciare a far fuori un po' di cose e non entrar in negozio etnico per almeno un paio di mesi.

Quindi farro, ceci, erbette amare, cotti separatamente e saltati insieme all'ultimo momento e il magico 7 spezie giapponesi (nanami togarashi) per dar al tutto un sapore diverso.
Questo mix (2 tipi di pepe, sesamo bianco e nero, zenzero, arancio e alghe) in Giappone si trova su quasi tutti i tavoli dei ristoranti ed è usato sui noodles e sulle tempura.
La magia dei mercati in Giappone è pari solo a quelli francesi, qui dovete e potete assaggiare di tutto, anzi buona educazione verso il negoziante è assaggiare ciò che vi propone anche se non siete intenzionati ad acquistare... numerosi sono i banchi di spezie e insalatini (umeboshi e verdure marinate sotto sale o aceto) e qui il mix viene preparato al momento quindi alcuni ingredienti possono anche essere diversi da quello che si può acquistare nei supermercati.
In Italia lo dovreste trovare nei supermercati etnici ben forniti, se non lo trovate sostituitelo con un mediterraneo mix di aglio peperoncino ed erbe aromatiche.

1/2 tazza di ceci secchi
1/2 tazza di farro
200 gr di erbette o cicoria già sbollentata
1 spicchio di aglio
1/2 cucchiaino di zenzero grattuggiato
un pezzetto di kombu
2 cucchiai di olio di sesamo bio
1/2 cucchiaino di mix 7 spezie
sale qb

Ammolate i ceci in acqua fredda con la kombu per 12 ore e poi cuoceteli nella pentola a pressione fino a renderli morbidi ma non disfatti.
Cuocete il farro in acqua bollente.
Scaldate l'olio nel wok o in una padella, aggiungete l'aglio, lo zenzero, la cicoria e fate saltare per 5 minuti, unite i ceci e il farro e cuocete per altri 5/8 minuti.
Prima di servire spolverate con il mix 7 spezie o con il mix mediterraneo.
Otimo caldo o appena tiepido (perfetto per i bento box alias schiscetta).

13 commenti:

Maddalena ha detto...

Ciao Petula,
grazie delle tue meravigliose ricette. Da quando ho trovato uno scarafaggio nelle patate della mensa (ed era il menù di natale, sigh!!) mi porto la schischetta da casa e tu mi dai sempre tantissimi spunti, anche se sono onnivora.
Se anche tu sei tipa da schiscetta ti consiglio l'acquisto di un fornetto scalda-brioches della severin o della termozeta, è piccolo piccolo, giusto per il frigoverre, e sembra una stampante, per cui può stare dignitosamente sulla scrivania. Io l'ho trovato in offerta a 9.90 da Saturn a Genova, ma anche a prezzo pieno costa proprio poco e ti cambia la pausa mensa, mai più roba fredda scaldata sul termosifone.
Oggi mi sono portata tagliolini freschi saltati al wok con trevigiana e carote...

pasadena ha detto...

Mi fai venire sempre una voglia di Giappone! Ho già salvato il vostro itinerario. Comunque, dato che il buon proposito di quest'anno è mangiare meglio, le tue ricette sono una tappa fissa. Questa la rifarò senz'altro (senza mix magico per :-( )

Saretta ha detto...

hem, mi ricorda la mia cucina l'immagine della roba che casca in testa!:)
Buonissimo piatto, cercherò anche le spezie magiche!

isabeau ha detto...

Slurp, adoro sia il farro che i ceci, ma purtroppo fra i cereali che mi stanno cascando in testa non c'è il farro e dovrò pazientare fino alla prossima spesa bio. Hai usato quello perlato o integrale? il mix nipponico lo trovo da kathai?
Oggi ho girovagato sul blog e mi hai fatto venire una voglia matta di BBM... spero ne parta uno presto!

Petula ha detto...

maddalena...se guardi l'indice c'è un'intera sezione dedicata ai bento ;) m in ufficio ho la fortuna di aver la cucina e di non dover mangiare alla scrivania.

pasadena, saretta...;-)) c'è chi casca dal seggiolone e chi si fa cader la roba in testa (ho ancora il segno di una pirofila)

isabeau...per il farro usa quello che preferisci, il magico mix da kathay dovrebbe esserci ma non controllerò per lungo tempo (ne ho preso mezzo chilo in Giappone...).
i bbm son molto meno diffusi rispetto a due o tre anni fa, ma a volte ne parte qualcuno.

isabeau ha detto...

doppio grazie anche per prima che mi sono scordata! Non sono ancora riuscita a leggere tutto il racconto del tuo viaggio, ma mi sono ripromessa che è la prox sezione da perlustrare con invidia!

faby ha detto...

Ciao Petula, seguo il tuo blog da un pò e lo trovo interessantissimo e pieno di ricette gustose complimenti davvero!mi sto cimentando anche io con un blog culinario, spero troverai un giorno anche tu una ricetta interessante sul mio blog...
Faby

Cuoche dell'altro mondo ha detto...

Dovrò provare anche questa ricetta giappo-style. Ho appena postato una cosa simile, ma dai sapori indiani.
Ciao
Alex

Anonimo ha detto...

ciao petula, sempre fantastica! senti, visto che per un po' di tempo devo trasferirmi a londra, tu che sei una viaggiatrice esperta e attenta, avresti qualche consiglio da darmi? (mercati, mercatini, negozi bio, ristorantini...) ho cercato nel blog sotto "viaggi! ma niente da fare...sono sicura che con un po' di impegno puoi aiutarmi a sentirmi meno spaesata...grazie, grazie, grazie!!! eleonora

comidademama ha detto...

Che voglia di ritornare in Giappone che ho! Ho visto che sei stata anche tu a Takayama. Questa zuppa mi scalda alla sola vista.
A proposito di bento, Giappone e cose bellissime. Ho imparato a usare il furoshiki non solo per avvolgere il bento, ma per trasportare libri, bottiglie, tutto. Bellissimo!
Qualche tempo fa letto che nel 2006 il Ministro dell'Ambiente giapponese Yuriko Koike promuove l'utilizzo del furoshiki come alternativa ecologica ai sacchetti di plastica. Per rinfrescare la memoria al popolo giapponese ha preparato il "Mottainai Furoshiki" ,una guida su come usare il questo fazzolettone quadrato. Guida step by step bellissima ed efficace.
Da provare, se non l'hai ancora visto. Io ho un libro in francese, ma quello schema del ministero è il monumento alla bellezza ed efficacia del design giapponese. Chapeau.

Buon inizio di settimana. Farai qualche cosa per Mi Illumino di meno 2009? Io sono troppo di corsa per fare una raccolta, ma ho iniziato una serie di post, da quando è stata lanciata la campagna.

Petula ha detto...

faby, alex...:-))))

eleonora...londra è tutta da visitare, ci tornerò tra un paio di mesi e qualche post non mancherà, ma ad ora purtroppo ho poco tempo per scrivere qualcosa di più approfondito. ;-*

comida...li conosco benissimo, ho preso 3 libri in giappone sui furoshiki. immane la produzione libraria sulle stoffe usate nei secoli per questi foulard usabili.
Anche io manco di tempo, spero di poter mettere qualche post...leggo i tuoi con grande interesse ;-) un enorme abbraccio

monica ha detto...

Sono un'amante delle verdure un pò amare....meno le amano le mie cucciole! Provo questa ricetta e PULISCONO IL PIATTO! GRAZIE!

Petula ha detto...

URCA...questo dà parecchia soddisfazione anche a me!!! ;-))) grazie!!!!