giovedì, agosto 18, 2016

Sù e giù e un crumble

Ho trascorso le settimane estive facendo sù e giù tra Italia, Londra e Nord dell'Inghilterra, anche se ho scoperto che la definizione di Nord è fonte di discussioni interminabili tra gli inglesi stessi.

Al di là di tutte le discussioni sul Brexit (noi abbiamo deciso di darci tempo e poi decidere se restare o spostarci in altro luogo europeo, non più l'Italia ...), l'Inghilterra per me è un paese meraviglioso da girare soprattutto fuori Londra.
Ha paesaggi e luci incredibili e che spiegano come Turner possa essere nato solo qui.
Si mangia discretamente bene un po' ovunque e, anche nei posti più assurdi, puoi sempre trovare un'alternativa al pub's food.

Avere la macchina qui, è una gran figata. Possiamo andare in spiaggia in meno di un'ora.
Certo il costume da bagno non è quasi mai indicato, a meno che tu non sia britannico, non sia stato abituato a metterti in bermuda a novembre e parte della tua alimentazione non consista in burro e alcol.
Dato che detesto mettermi in costume (7 giorni in Sardegna all'anno, per me sono più che sufficienti) e che amo stare in spiaggia vestita, fare hiking lungo le coste dell'Essex o del Devon con regalo finale di granchi freschi è una delle cose che giustificano il mio stare qui.

Prima di trasferirci, andare a fare hiking in Inghilterra è stata la nostra vacanza preferita per anni (escluso il Giappone): Cornovaglia, Devon, Galles e Yorkshire sono posti meravigliosi.
Certo non ve li consiglierei se: cercate vita notturna o simili, non vi piace la pioggia, il vento e 15° a luglio, vi annoiate a stare a guardare un paesaggio con una tazza di tè per ore, non amate i paesini in cui la vita muore alle 8. In questo caso meglio le città con più di 50.000 abitanti.




Quest'anno abbiamo scelto il Lake District, un'area boscosa piazzata appena sopra il Galles e a lato dello Yorkshire, 4/5 ore da Londra. Da sempre luogo di vacanza preferito dai Brits per le passeggiate, data la quantità di boschi e di quelle che qui chiamano montagne, ma che per gli italiani sarebbero solo colline.
A dir il vero hanno l'aspetto e la conformazione delle montagne, ma è come se un gigante le avesse schiacciate camminandoci sopra.



E' un luogo fatato, fatto di laghetti e boschi, pieno di conigli selvatici, tassi e daini, che ti attraversano la strada, per non parlare del numero infinito di pecore. Luogo che ha ispirato scrittori e poeti da sempre e casa d'elezione di Beatrix Potter.
E' quasi obbligatorio avere la macchina se ci si vuole spostare velocemente e non stare sempre nello stesso posto, ma i collegamenti con gli autobus non sono male.
E' un luogo, dove ci si alza presto e si cena al massimo alle 7 e si va a nanna che il sole è appena tramontato (verso le 10 in luglio).
Se si ama il trekking si può trovare di tutto, dalle camminate facili intorno ai laghi (bagni e parcheggi sono ovunque) a quelle impegnative di parecchie ore con belle salite lungo le montagne.
Noi abbiamo girato soprattutto la parte sud del Lake Distric intorno a Coninston.



Il mio amore per le camminate è pari solo a quello per i pranzi tardivi, intorno alle 3.30/4, a base di zuppe del giorno, té e scones o per i panini con le uova (occhio a impedire l'imburramento automatico) e per tutto quello che ha dentro una mela.
Gli inglesi sono maestri nell'allestire locali deliziosi dove pranzare a tutte le ore e dove stare per tempi lunghissimi, magari a leggere, lavorare a maglia o solo guardare il paesaggio. Si trovano sale da tè e cafè ovunque e sono luoghi che amo tantissimo e perfetti per rilassarsi dopo 6 ore di camminata. Nessuno ti chiederà mai di andartene o se vuoi ordinare altro. Si trovano sempre zuppe, molto spesso vegan, insalate e panini di tutti i generi, in porzioni non proprio dietetiche.
Evito poi di ribadire la mia passione per pub e gastro pub, credo di aver ossessionato chiunque per anni.




Per passare a qualcosa di più cibesco: le mele in estate non sono mai eccezionali (di solito san di poco), ma sono perfette per i crumble e grandiose se associate a quella che è la frutta estiva inglese per eccellenza: le bacche, ovvero lamponi, mirtilli, more e affini.
Ovviamente ho pensato bene di sposare un uomo che odia tutta la frutta estiva, quindi nei crumble al massimo io ci posso mettere le uvette, ma voi metteteci mirtilli o lamponi (congelati vanno benissimo, costano molto meno, soprattutto in Italia, dove per comprare i lamponi devi venderti un arto e sono perfetti per un dolce dell'ultimo momento come questo).
Ho preferito usare il burro di cocco rispetto all'olio, perchè ha un sapore e una resa migliore, tanto più che ormai si trova facilmente in tutti i negozi bio o su Amazon. Ricordatevi solo di toglierlo dal frigo un'ora prima di usarlo.

Per la base:
4 mele (meglio qualcosa di acidulo e croccante come una granny)
1 tazza di mirtilli o mezza di uvetta
2 C di sciroppo d'acero o malto di riso o agave
1 C di succo di limone

Per il crumble:
3/4 di tazza di fiocchi d'avena 
2 C di farina integrale
90 ml o 3 C di burro di cocco 
3 C di sciroppo d'acero o malto di riso o agave
1/2 tazza di mandorle
1 C di burro di noccioline (bio e non dolcificato)
la punta di un cucchiaino di carmamomo in polvere o di cannella
un pizzico di sale

Ammollate le uvette in acqua calda.Pelate e tagliate le mele a fette, mischiatele al resto degli ingredienti e mettete il tutto in una pirofila. Se usate i frutti idi bosco congelati, non fateli scongelare, cuociono in tempo minore delle mele e vi ritrovereste con della marmellata; quindi uniteli alle bele direttamente dal freezer.
In un frullatore mettete tutti gli ingredienti per il crumble e date una frullata veloce (non dovete ottenere una purea) e poi, aiutandovi con un leccapentola bagnato ogni volta, spalmate il composto sopra le mele.
Cuocete in forno caldo a 180° per venti minuti o fino a quando la copertura non comincia a brunire e le mele a fare le bollicine da sotto.
Si può mangiare tiepido o freddo. L'ing e tutti i britannici ci mettono a fianco il gelato.



Mi scuso per le foto da telefono, a volte è, non solo più leggero della tradizionale macchina fotografica, se avete già uno zaino pieno di roba necessaria come il Kindle o il lavoro a maglia, ma è molto più veloce, nel caso in cui l'ing abbia un cucchiaio in mano.

9 commenti:

valentina ha detto...

Bellissimo giro! provero' il crumble (con i mirtilli, mia passione) e poi propongo di rivederci. A presto!

Petula ha detto...

Non vedo l'ora!!!!! Ti scrivo :)

chiarina-ina ha detto...

Sono davvero felice di leggere di nuovo i tuoi post!
Se non ci sei ancora stata ti consiglio di andare a dare un'occhiata a Petersham Nurseries :)

try2knit ha detto...

Anche io metterei il gelato di fianco, mi sembra buonissimo!!!!

micalia ha detto...

Buongiorno,Petula sono anni che leggo il tuo blog,ed vorrei ringraziarti per tutto quello che fai, mi sarebbe piaciuto conoscerti di persona..le tue ricette sono fantastiche(leggendo il tuo blog per me è stato come aprire una porta su un 'altro mondo')continuerò a visitare il tuo blog,grazie.

Anonimo ha detto...

Che gioia risentirti di nuovo cara Petula. Hai fatto benissimo a lasciare l'italia ed andartene in Inghilterra. E' un paese che io adoro ho vissuto per un periodo in Scozia quando ero molto giovane e appena sposata con un ingegnere.Capisco benissimo che non sono scelte facili ci sono passata anch'io e ho trasmesso questa voglia continua di cambiamenti a mia figlia che da un anno si è trasferita in Germania per lavoro. Conosco abbastanza bene i luoghi che tu hai descritto e mi hai fatto venire una grande nostalgia del passato. Un abbraccio Dorella

AleRosenkranz ha detto...

Che bello ritrovarti sul blog

Anche noi appassionati di hiking e in quanto quasi-neo-londinesi alla scoperta delle non-montagne inglesi :)

Petula ha detto...

Mi fate felicissima!!!!
giuro che presto metterò un'altro post ... prima o poi andrà organizzato un vero e proprio ritrovo!!

Anonimo ha detto...

bello ritrovarti!
che invidia.... e gli scones, quanti ricordi, per me è stato amore a primo assaggio!
Enri